Attenzione!Il tuo browser non rispetta gli standard richiesti da www.sodaliziolazio.com.

È neccessario aggiornare il browser.

Moviola - Ieri alle 09:40

Un Lazio - Juventus movimentato

La gara che la SS Lazio giocò contro la Juventus nel febbraio del 1955 venne definita dai giornali dell’epoca come una vera battaglia. Tutto filò liscio per buona parte della contesa, fino al 27’ del secondo tempo, quando in campo e nella vecchia Tribuna Tevere accadde di tutto. Partiamo però dal fischio d’inizio che vide contrapposte allo Stadio Olimpico la SS Lazio di Sentimenti V, Vivolo, Lofgren e Bredesen alla Juventus di Boniperti e Praest. Al 12’ passa in vantaggio la SS Lazio quando l’ala sinistra biancoceleste Bredesen, che a fine gara verrà eletto migliore giocatore in campo, entra nell’area avversaria palla al piede facendo poi partire di destro un tiro micidiale che si insaccava alle spalle di Viola passando sotto la traversa. La Juventus arrivava...
Vecchi spalti - 21 Novembre 2014 alle 07:38

Oltre il tempo

E’ proprio vero per noi Lazio-Juve è come Lazio-Varese in serie B. La Lazio è stata e sarà sempre un’ idea oltre la domenica, i tifosi di oggi non potranno mai capire ciò che fu e ciò che fu fatto. Siamo i figli di un tempo andato che forse non tornerà mai più, ma la puzza di treno, di fumogeni e lacrimogeni la porteremo sempre come una seconda pelle dentro di noi, una gioia e un sorriso infinito della nostra gioventù sempre giovane nonostante il tempo... per mercanti e millantatori dell'ultima ora, tifosi da radio e tv l'oblio del tempo, e come meteore passano senza lasciare traccia mentre come fantasmi si aggirano i nostri ricordi in quei pezzi di marmo bianco ancora rimasti nelle tribune e nei dintorni dello stadio, ricordi di un sapore antico e di...
Polisportiva SS Lazio - 20 Novembre 2014 alle 07:46

SS Lazio Calcio a 5, Paulinho e la Luparense: "Non abbasseremo la testa"

Rieti-Lazio è stata una gran bella partita e lo hanno visto tutti, grazie alla diretta RAI ed ai ben tre diversi montaggi di highlights dedicati (oltre a quello RAI appunto, i due realizzati come di consueto dalle società, Real Rieti e Lazio) che dalla giornata di lunedì circolano in rete. Uno spettacolo emozionante ed uno spot per il futsal, che purtroppo però non ha portato punti ad una Lazio punita dagli episodi e dai suoi errori, sfruttati da un Real Rieti eccezionale nel ribaltare un match che a fine primo tempo sembrava incanalato sui binari biancocelesti (pochi secondi prima dell'intervallo era arrivato lo 0-2 di Paulinho su tiro libero), grazie anche al grande sostegno del suo pubblico. PAULINHO - E' proprio il goleador della Lazio, Paulinho, a tornare sul big match del PalaMalfatti...
Tribuna Tevere il Sodalizio - 19 Novembre 2014 alle 09:26

Patrimoni affettivi biancocelesti

In questi ultimi giorni la redazione del sito dell’Associazione Sodalizio, mentre era alla ricerca di qualche foto di vecchi calciatori biancocelesti, si è per caso imbattuta in una vecchia foto dello Stadio del PNF, dove oggi sorge lo Stadio Flaminio, storica sede biancoceleste. L’immagine fu scattata nell’anno di grazia 1939. Si intravede lo stadio, la piscina e la pista di pattinaggio. Un luogo dove le sezioni della nostra Polisportiva potevano far giocare i propri atleti con le cosacche biancocelesti e con la loro aquila che gagliarda svettava sul petto. Questo impianto in quegli anni fu definito come uno tra i più moderni e completi costruiti in Europa. Dal 1931 divenne lo stadio della SS Lazio. Un articolo di quegli anni, scritto con uno stile che farebbe arrossire di invidia tanti...
Tribuna Tevere il Sodalizio - 18 Novembre 2014 alle 10:58

Che fine ha fatto il Sodalizio?

  Non ci siamo mai preoccupati di fronte ai campi periferici, non ci siamo mai preoccupati dall'arrivo di calciatori scadenti, non ci siamo mai preoccupati di giocare nelle serie inferiori, non ci siamo mai preoccupati della posizione in classifica, non ci siamo mai preoccupati di perdere una partita. Per noi essere Laziali, volutamente con la L maiuscola, è stato un qualcosa che ci ha sempre contraddistinto non solo allo stadio, ma anche nella vita di tutti i giorni. Per noi essere Laziali è sempre stato affrontare le avversità della vita con quel quid un più, senza paura di niente e di nessuno. Per noi essere Laziali è stata la prima domenica allo stadio con nostro padre, la prima domenica da soli in Curva, il respirare l'odore acre di un fumogeno azzurro che un ragazzo...
Moviola - 18 Novembre 2014 alle 09:11

Perche' lui e' Friedrich Walter. Anzi, Fritz Walter.

Friedrich sobbalzò sul letto per un colpo di tosse. Quella maledetta bronchite, lo stava mettendo troppo spesso in pessime condizioni e anche il cuore ne risentiva. La luce che filtrava attraverso le tende della camera si posava sui cimeli della sua gioventù, ricordi di un'altra epoca e di un'altra epica. Si alzò, e dopo qualche passo strascicato con le pantofole di pelle scura, appoggiò i palmi delle mani sul davanzale e distinse la sua faccia riflessa nel vetro della finestra prima di intravedere in lontananza la cupola d’ardesia della Chiesa di Alsenborn ormai libera dalla neve dell’inverno. Si riconobbe. Non era poco, in fondo. Riconobbe il naso grosso, le sue rughe e la sua malinconia. Avrebbe venduto l’anima al primo diavolo per poter salire quella sera la...
fuorigioco - 18 Novembre 2014 alle 09:06

Dario Argento e Iggy Pop per un nuovo film

C'è una strana, meravigliosa alchimia che sta unendo il maestro del cinema horror italiano, Dario Argento all'icona punk rock Iggy Pop. Pronto il set, prontissime due vere leggende artistiche. L'obiettivo, finanziare il suo ultimo film The Sandman nel quale Iggy Pop interpreterà il ruolo di un serial killer con guanti neri e per questo motivo ha lanciato una raccolta di fondi online. Come scambio per questo progetto, i finanziatori generosi saranno premiati con messaggi personali del regista e dell'icona della musica punk rock, con una visita sul set e una piccola parte nel film. Vederli insieme fa un pò effetto, trovo la combinazione veramente geniale. Su Dario Argento si è detto tutto ormai, regista di alcune pellicole cult come " Il gatto a nove code, Quattro Mosche di Velluto...
Polisportiva SS Lazio - 17 Novembre 2014 alle 09:25

Cinque minuti fatali, la SS Lazio Calcio Femminile cade ancora

Non riesce alla Lazio l'impresa di battere la capolista Acese, presentatasi al Villa dei Massimi forte di sei risultati utili consecutivi. La formazione sicula, in cinque minuti di fuoco, rifila tre reti alle biancocelesti portando a casa vittoria, tre punti e vetta della classifica, in condivisione con la Roma. Rientra Coletta nelle file nostrane, a formare il tridente d'attacco con Santoro e Cianci; centrocampo affidato a Lombardozzi, Seranaj e Castiello. Chiavi della difesa in mano a capitan Savini e Ferrazza, affiancate da Corradino e Vaccari. In porta debutto per Reka Aschenbrenner, portiere della nazionale ungherese under 21. Solito undici titolare, d'altra parte, per la calciatrici di mister Caniglia, con l'ex Di Bari, oggi capitano dell'Acese, a formare il tandem al centro della difesa assieme a Masia....
Moviola - 17 Novembre 2014 alle 09:23

La SS Lazio di Cragnotti

Carriera straordinaria quella di Sergio Cragnotti che dopo una certa gavetta prima in Italia, poi in Brasile, in Francia e ancora in Italia, nel 1992 acquista la SS Lazio da Calleri per 38 miliardi di lire spendendone successivamente sessanta per una gran campagna acquisti. C’è da dire subito che sotto Cragnotti la SS Lazio ha vinto tanto. Tanto da vantare il palmares più ampio della società biancoceleste. Affida la presidenza a Dino Zoff e nel periodo che va dal ‘94 al ‘98 ottiene i seguenti risultati sia in Italia che in Europa uno scudetto, 2 coppe italia, 2 supercoppe italiane, 1 coppa coppe, 1 super coppa Uefa, una finale persa a Parigi contro gli amici interisti, e due secondi posti in campionato. Serginho come veniva chiamato Sergio Cragnotti ci mette dentro subito buoni propositi e...
Polisportiva SS Lazio - 16 Novembre 2014 alle 18:16

Daniela Reina tesserata con la SS Lazio Atletica leggera

La Campionessa della Nazionale Italiana e Primatista Italiana dei 400m è tesserata da oggi per la S.S. Lazio atletica leggera.   Daniela Reina oltre 25 presenze in nazionale in carriera, ha stabilito anche la Migliore Prestazione Nazionale Juniores dei 500 metri con 1:11.6 a Macerata nel 2000. Con le  Fiamme Azzurre dal 2004, ha stabilito il Primato Italiano dei 400m con 51.18 a Rieti, e ha anche stabilito entrambe le Migliori Prestazioni Nazionali assolute dei 500, 1:09.63 all’aperto e 1:11.03 indoor. Daniela: "ringrazio le Fiamme Azzurre per quanto di bello fatto insieme e il Comandante Marcello Tolu che ha tifato per me negli anni belli e mi ha sostenuto nei momenti difficili, ora lavoreremo insieme per i ragazzi delle Fiamme Azzurre Giovani. Sono Laziale e ora correrò per la S.S....