Attenzione!Il tuo browser non rispetta gli standard richiesti da www.sodaliziolazio.com.

È neccessario aggiornare il browser.

<< Indietro - Home - Moviola - 30 Aprile 2014 alle 13:09

Trentasette anni fa

Il 30 aprile del 1977 di fronte a cinquemila tifosi biancocelesti commossi e persi nei ricordi più belli, di quella SS Lazio che incantò l’Italia calcistica con il suo gioco spumeggiante, vincendo il primo scudetto della sua bella e travagliata storia, veniva intitolato a Tommaso Maestrelli il campo d’allenamento di Tor di Quinto e scoperto il busto di bronzo, creato da Frà Martini, a lui dedicato. Con i giocatori biancocelesti guidati dal Presidente Umberto Lenzini, ricordiamo tra gli altri Felice Pulici, Martini, Giordano e Badiani erano presenti anche quelli granata del Toro. Il presidente Pianelli in testa, guidava tutta la delegazione proveniente dalla città piemontese, composta tra l’altro da Paolo Pulici, Zaccarelli, Castellini e Claudio Sala, che non aveva voluto mancare a questa commemorazione.

Lazio e Torino due storie calcistiche che tante volte si sono incrociate !

Ben Sherman