Attenzione!Il tuo browser non rispetta gli standard richiesti da www.sodaliziolazio.com.

È neccessario aggiornare il browser.

<< Indietro - Home - Vecchi spalti - 26 Marzo 2015 alle 13:23

Le scenografie degli Eagles

Nel 1977, nascono gli Eagles’ Supporters in essi confluiranno molti piccoli gruppi della Nord laziale creando così un unico grande gruppo, unito e compatto. Lo striscione è lunghissimo con un’aquila stilizzata in mezzo che sarà il logo del gruppo e lo troveremo sempre sul materiale da loro prodotto. La Prima cosa che si noterà subito è il colore dello striscione, scritta bianca ma invece del celeste verrà usato un blu scuro colore che utilizzeranno man mano anche gli altri gruppi della Lazio negli anni a seguire, molte volte usato insieme al celeste stesso. A livello scenografico i primi Eagles utilizzeranno come materiale soprattutto la stoffa. Che utilizzeranno in vario modo. Come ad esempio facendone delle strisce orizzontali che ricordano le onde del mare o come nel derby con l’aggiunta in questo caso di grandi lettere in polistirolo a formare la scritta “Lazio vinci per noi”.  nNel derby del 18 marzo 1979 invece considerando la pessima classifica della Roma idearono un megabandierone issato sopra il tabellone luminoso recante la scritta “Ve mannamo in B”, con la B giallorossa.

L’utilizzo della stoffa viene modificato ulteriormente in un altro scontro con i giallorossi: una mega scritta campeggia in nord a formare un “Forza Lazio”. Ancora in un derby sopra la Nord viene srotolato un lungo striscione “Forza ragazzi la nord vi ama” ma purtroppo il resto della Curva Nord resta spoglio causa sequestro del materiale. Sempre derby (come giusto che sia visto che all’epoca le scenografie si facevano quasi esclusivamente nei derby e nei big match). La fanno da padrone i cartoncini blu bel colpo d’occhio ma la cosa curiosa è che lo striscione (meglio soffrire per poi gioire che illudersi per poi morire) che accompagna il mosaico di cartoncini verrà srotolato al centro della nord invece che in balconata cosa che molti anni dopo verrà imitata da altre tifoserie.

In un derby dell’85 la classifica questa volta vede sprofondare la Lazio in B, la Nord ne pensa una delle sue: viene esposto un telone giallo a formare il sole con dei raggi biancocelesti e lo striscione questa volta in balconata: ”Solo i mediocri conoscono la sconfitta noi siamo grandi e risorgeremo”.

In un Lazio-Catanzaro gli Eagles festeggiano i loro primi dieci anni di attivismo laziale con un mini bandierone “1977 1987 e un aquila al centro. A Parma invece è quasi tempo di ritornare in A e i 10.000 laziali si presentano con tante due aste bianche e celesti e lo striscione “Coloreremo così l’italia” firmato Eagles’ Supporters.

La A viene centrata la domenica successiva e in un Olimpico imbandierato gli E.S.  si mettono in mostra con uno striscione che recita: “ Daje rega volamo insieme” con un bandierone con un’aquila che ha sotto di se il logo della lazio. Nel “derby di Di Canio”  è invece rovinato da un nuovo sequestro di materiale e la Curva Nord si presenta con solo alcune due aste che hanno come tema monumenti di Roma e i loghi della Lazio. Insieme anche al grande cuore fatto di cartoncini molte stagioni prima le belle fumogenate e torciate e alle riuscite sciarpate gli Eagles hanno dimostrato negli anni di avere idee originali spesso copiate da altri.

Questo voleva essere un piccolo tributo a un grande gruppo ultras che per molti anni ha fatto scuola.

Gianluca di Leo