Attenzione!Il tuo browser non rispetta gli standard richiesti da www.sodaliziolazio.com.

È neccessario aggiornare il browser.

<< Indietro - Home - Calcio d'angolo - 22 Aprile 2015 alle 07:35

La storia infinita di You'll never walk alone

A pochi giorni dal 26 esimo anniversario della tragedia di Sheffield in cui 96 tifosi del Liverpool persero la vita schiacciati sulle reti che dividevano “la terrazza” dal campo di gioco ho desiderio di parlare di un grande inno, forse il più bello, ma sicuramente il più conosciuto e cantato: “You’ll never walk alone” inno dei Reds.

Come molte canzoni che accompagnano l’ingresso in campo delle squadre inglesi anche l’inno del Liverpool non è stato scritto appositamente per il Liverpool, ma successivamente riadattato alla circostanza. Infatti Ynwa come spesso viene abbreviato, nasce per un musical del ’45 dal nome Carousel e reso ancor di più famoso dalle tante interpretazioni di artisti famosi e famosissimi come Johnny Cash, Doris Day, Elvis Presley, Nina Simone, Tom Jones e The Gerry and Peacemaker; questi ultimi  sicuramente hanno fatto conoscere l’inno a Liverpool facendone una propria versione (band tra l’altro molto in voga in quel periodo in tutta l’Inghilterra e originaria proprio di Liverpool. ) la loro incisione del pezzo risale al ’63 e già nel ’64 la Kop la cantava in coro, come testimonia una ripresa di un operatore della Bbc. Inoltre anche altre “terrazze” avevano l’abitudine di cantare canzoni famose in quel momento … e restando ancora a  Liverpool la Kop venne filmata mentre canta “She loves you” dei Beatles. Io credo che da qui in poi questa moda di cantare canzoni  di vario genere musicale  porterà molti tifosi inglesi e non a utilizzare solo le musiche cambiando le parole a seconda delle circostanze con della“dediche” alla squadra del cuore, ai calciatori ecc….

Ma ritornando a Ynwa e ai tifosi del Liverpool fu tanto assiduamente cantato al punto che divenne l’inno ufficiale dei Reds come dimostra la scritta sullo Shankly Gate di Anfield. L’inno si diffuse anche tra le altre tifoserie inglesi e europee, anche in Italia molte tifoserie lo hanno adottato in mille modi ad esempio i laziali ne hanno fatto una 2 aste …

Il mitico inno è anche ”vittima” di una disputa infatti come tutti sanno l’inno va attribuito ai tifosi dei Reds ma i tifosi del Celtic Glasgow ne rivendicano la paternità e credo che ogni volta si discuterà di chi l’abbia cantato per primo ognuno tirerà fuori storie aneddoti documenti per una discussione che potrebbe essere intitolata “la storia infinita” anche se le due tifoserie in un certo senso si siano messe d’accordo cantandolo insieme, soprattutto quando le due squadre si sono incontrate, cantandolo insieme.

Gianluca Dileo