Attenzione!Il tuo browser non rispetta gli standard richiesti da www.sodaliziolazio.com.

È neccessario aggiornare il browser.

<< Indietro - Home - Polisportiva S.S. Lazio - 26 Aprile 2016 alle 12:49

Born to love, live to win

Così recitava uno striscione presente sabato al Pamphili Village, in occasione di Lazio-Genova di Pallacanestro in Carrozzina, finale playoff di Serie B 2015-16.

Dopo la grande rimonta ottenuta in semifinale contro il Treviso, che ha garantito alla Lazio l’accesso in finale, i biancocelesti hanno ospitato a Roma la formazione ligure del Genova.

Gli spalti, della struttura del quartiere Trullo, sono gremiti di tifosi, soprattutto biancocelesti che hanno sostenuto i ragazzi di Moreno Paggi fino all’ultimo secondo. Presente anche il Sodalizio, che con le sue bandiere ha colorato la tribuna.

La gara è stata molto tesa per quasi tutti i 4 tempi con un punteggio che non ha mai visto una delle due allungare sull’altra.

Purtroppo, i ragazzi con l’Aquila sul petto, nel finale dell’ultimo quarto hanno ceduto il passo alla formazione ospite che ha allungato fino al 57-64 conclusivo.

I primi due quarti si sono conclusi rispettivamente 16-16 e 32-31, proprio per rimarcare il profondo equilibrio mantenuto durante quasi tutta la gara. Il terzo, invece, ha visto il Genova allungare fino al 48-44. Risultato che, però, non ha significato un netto predominio della formazione genovese.

Sono gli ultimi minuti dell’ultimo quarto, che danno la stoccata decisiva al risultato con definitivo +7 ligure.

 La Lazio, ora, è costretta a vincere gara 2 (1 maggio in terra ligure) per portare la serie a gara 3, la “bella”, nuovamente nella struttura di Roma.

Valerio La Torre