Attenzione!Il tuo browser non rispetta gli standard richiesti da www.sodaliziolazio.com.

È neccessario aggiornare il browser.

<< Indietro - Home - Calcio d'angolo - 31 Ottobre 2016 alle 09:44

I tifosi e la sostenibilita' delle societa' di calcio

Ieri un passaggio epocale è avvenuto in Scotland, infatti è stato ufficialmente formalizzato il passaggio della maggioranza delle quote del Motherwell FC, club scozzese che milita nella maggiore divisione: la Scottish Premiership, dalle mani del presidente Les Hutchison all'associazione di tifosi The Well Society, un percorso di collaborazione siglato già dal gennaio del 2015.

Nel 2014 la maggioranza del Motherwell FC era stata rilevata da Les Hutchison, dopo le difficoltà finanziarie vissute dallo storico club scozzese, con il sostegno dei tifosi; subito è partito un serio processo di risanamento dei conti, che ha visto anche il contributo dell'associazione di tifosi The Well Society con circa 200.000 sterline. Ma non basta; si è anche pensato alla definizione di un piano pluriennale per il passaggio delle quote di controllo.

Dopo un anno, in cui la cooperazione tra il  club ed i tifosi è stata constante, la The Well Society ha continuato acrescere fino ad avere oltre 2.000 soci che garantiscono una donazione mensile di dieci sterline.

A marzo del 2016 era stato firmato il cosiddetto “Memorandum of Understanding” tra l’associazione dei tifosi e Les Hutchison, presidente con il 76% del capitale del club, in cui furono messe nero su bianco le successive tappe per completare i passaggi formali per il futuro trasferimento del controllo della società scozzese ai suoi tifosi.

Hutchison, che si è mostrato davvero interessato al bene del club,ha ceduto la propria partecipazione per una sterlina, ovviamente con l'impegno da parte della The Well Society di restituirgli circa un milione di sterline, che aveva versato nelle casse del club per garantire la gestione ordinaria l'ultimo anno e mezzo senza però che i rimborsi possano impattare negativamente sulla gestione ordinaria: infatti il debito sarà rimborsato solo con una percentuale sulle cessioni dei giocatori nei prossimi tre anni, quindi sarà definito un piano pluriennale per completare l'eventuale rimanenza del rimborso.

Si completa quindi un altro passaggio storico di un club professionistico della massima serie sotto il controllo di un'associazione di tifosi. In Scozia, complice la crisi del calcio nazionale, diverse realtà calcistiche in questi ultimi anni hanno intrapreso un percorso di coinvolgimento attivo dei supporters nella gestione della società con forme diverse e, soprattutto, con una programmazione pluriennale. I tifosi e gli imprenditori stanno cercando di trovare dei percorsi di cooperazione costruttiva partendo dal riconoscimento del ruolo vitale che i tifosi rappresentano per la vita e la sostenibilità delle società di calcio.

Francesco Alietti - Sodalizio Appio Latino