Attenzione!Il tuo browser non rispetta gli standard richiesti da www.sodaliziolazio.com.

È neccessario aggiornare il browser.

<< Indietro - Home - Calcio d'angolo - 22 Dicembre 2016 alle 13:46

Una notte in curva a Berlino

Dopo quanto accaduto a Breitscheidplatz il campionato tedesco si è giocato regolarmente, perché nessuno ha ceduto alla paura, nessuno ha pensato di cambiare la sua vita.

Una partita si è giocata nella notte di mercoledì all’Olympiastadion di Berlino, ed ha visto di fronte i padroni di casa dell’Hertha BSC contro lo SV Darmstadt 98. Tanti erano i berlinesi accorsi allo stadio, nonostante la temperatura fosse di zero gradi e sarebbe calata nel corso della contesa. Ma bisognava andare per dare un segnale, un segnale forte! In mattinata, tutta la squadra dell’Hertha BSC con i suoi dirigenti si era recata a Breitscheidplatz portando una corona di fiori e rimanendo a lungo in silenzio di fronte ai tanti fiori deposti dai berlinesi e dai turisti.

Allo stadio,  nella curva occupata dagli Ultras della squadra berlinese, prima dell’inizio dei novanta minuti di gioco è apparso uno striscione che recitava: "Tieni duro Berlino!". E’ stato lasciato esposto per tutta la partita.

Prima del calcio d'inizio c’è stato un minuto di silenzio, e quasi tutti i 31.912 spettatori hanno brandito il loro cellulare per illuminare le gradinate del vecchio stadio tedesco. Una dopo l’altra tantissime luci hanno illuminato gli spalti.

Non è stato trasmesso l’inno della squadra di casa, ed i tifosi dell’Hertha BSC hanno intonato dei cori per ricordare le vittime di Breitscheidplatz.

Una serata che nessuno dimenticherà.