Attenzione!Il tuo browser non rispetta gli standard richiesti da www.sodaliziolazio.com.

È neccessario aggiornare il browser.

<< Indietro - Home - Polisportiva S.S. Lazio - 19 Maggio 2017 alle 21:12

Una serata che vale la promozione!

A soli tre giorni dai quarti di finale, la S.S. Lazio Calcio a 8 è tornata in campo per affrontare la Selezione Romana nelle semifinali di Coppa Italia. I ragazzi di mister Benedetti, dopo la bella e sofferta vittoria per 2 a 1 contro lo Steaua volevano ad ogni costo centrare l'obiettivo della finale che avrebbe potuto contare anche per la promozione in Serie A.

Alle 23:00, il fischio d'inizio sancisce, così, la partenza di questo importante incontro. Si gioca al centro sportivo Stella Azzurra. La serata è molto gradevole e gli spalti sono nella quasi totalità occupati dai tifosi Laziali.
Il primo tempo vede una Lazio attaccare senza però rendersi mai pericolosa, fino ad un contropiede della squadra avversaria che passa, così, in vantaggio. I biancocelesti subiscono il duro colpo e, pochi minuti dopo, arriva il gol dello 0-2.

C'è aria di scoramento.

Questa squadra, però, non si arrende mai e con due gol per tempo compie una grandissima rimonta. È 4-2.

Se non si chiamasse Lazio, non avesse quei colori e quel simbolo, la partita sarebbe finita, ma la sofferenza è nel nostro Dna. È così che la Selezione Romana realizza il terzo gol.

Si chiama Lazio, però, e lo stile è inimitabile. Durante un contropiede, il portiere avversario, esce ingenuamente dall'area senza essersi liberato in tempo dalla palla tra le mani. È punizione da posizione defilata. Il calcio è ottimo, la palla prende il palo e l'arbitro assegna il gol. L'immediata e giustificata protesta dei ragazzi in maglia bianca, viene subito smorzata dai biancocelesti che con un bellissimo gesto confermano al direttore di gara la non marcatura.

La partita viaggia così fino al 50°, quando il triplice fischio regala la finale e soprattutto la promozione in Serie A.

Ora c'è una finale da tentar di vincere realizzando, così, l'ennesima impresa stagionale.

Valerio La Torre