Attenzione!Il tuo browser non rispetta gli standard richiesti da www.sodaliziolazio.com.

È neccessario aggiornare il browser.

<< Indietro - Home - Calcio d'angolo - 06 Giugno 2017 alle 12:08

Gola: un marchio amato da tanti

Trovo giusto in questo periodo tornare di tanto in tanto a parlare delle cosiddette “sottoculture” e di tutti quei capi di abbigliamento che le contraddistinguono e danno un preciso stile alle stesse come possono essere le Dr. Martens per gli skins, il parka per i mods e via dicendo…

Ricordate una celebre rubrica di Radio Sodalizio sulle mode?

Bene, allora parliamo di un brand come la Gola che negli anni ha vestito tanti campioni e note stelle dello spettacolo ed è stato indossato nel calcio, nel tennis nel cricket… la prima cosa da dire su Gola è una curiosità infatti, a detta di alcuni, il suo nome fondato nel lontano 1905 è l’anagramma di goal, altra cosa importante è che anche Gola come Clark’s, negli anni, non ha vestito solo gli sportivi ma si è messa anche a disposizione dell’esercito di Sua Maestà.

Infatti entrambi hanno creato calzature per i soldati, ma tornando al calcio trovo significativo, considerando la rivalità calcistica e soprattutto cittadina tra le due città inglesi, che il brand di Manchester inizialmente sponsorizzò proprio i Reds di Liverpool e poi in un secondo momento anche i Diavoli Rossi del Man Utd. Tra le stelle dello spettacolo che hanno indossato questo noto brand c’è Paul Weller cantante noto per aver fondato i The Jam e gli  Style Council, da sempre molto vicino all’ambiente Mods e molto probabilmente come fu per la Lonsdale ha sdoganato il brand tra i Mods ed i giovani tifosi inglesi che usano soprattutto le loro scarpe.

La Gola ha avuto un tributo dalle terraces inglesi infatti (vedi foto) i tifosi della Nazionale inglese hanno confezionato una bandiera con il gioco di parola enGOLAnd. Visti i vari modelli di scarpe, borse e altri articoli prodotti dal brand nella sua lunghissima storia fatta come di alti e bassi un giusto tributo da parte di questi tifosi che hanno dato una nuova visibilità a un brand che veramente merita.

Gianluca Dileo