Attenzione!Il tuo browser non rispetta gli standard richiesti da www.sodaliziolazio.com.

È neccessario aggiornare il browser.

<< Indietro - Home - Polisportiva S.S. Lazio - 15 Giugno 2017 alle 09:04

Parole in biancoceleste: Manuela Lattanzi ci parla di Giampiero Serafini, il nuovo allenatore della Lazio Calcio Femminile

Ieri la S.S. Lazio Calcio Femminile ha annunciato il suo nuovo allenatore per la prossima stagione calcistica, si tratta di Giampiero Serafini, una vita alla S.S. Lazio, prima nella squadra primavera, poi tecnico e allenatore della squadra femminile.

Con lui sulla panchina biancoceleste la S.S. Lazio C.F. vinse scudetto (senza perdere neppure una partita di campionato), coppa Italia e Italy Women’s Cup.

Abbiamo incontrato Manuela Lattanzi, fuoriclasse e bandiera della S.S. Lazio, una delle calciatrici più forti di sempre e con lei abbiamo parlato di Serafini che ebbe come tecnico in quelle stagioni fantastiche:

-          Tu che sei stata allenata da lui, ci parli di Serafini come uomo e come allenatore?

“A Giampiero sono legati bei ricordi sportivi. Di lui mi ricordo bene la grinta e che sapeva fare gruppo. Ora avrà anche più esperienza e questo è un bene”.

-          Sei una grande tifosa biancoceleste, è vero che anche il nuovo allenatore della Lazio Calcio Femminile ne è un grande tifoso. Ci racconti un episodio?

“Sì, Giampiero è un grande tifoso bianco celeste ma io di più e non dico altro :-). Un episodio: spareggio per lo scudetto a Pisa: esco per i crampi sul due a zero per noi. Subito incassiamo un gol e poi un po' pareggiano. Giampiero è il primo a scuotersi dal momento no ed inizia a trascinare tutti noi, sia le ragazze in campo che in panchina. Ai rigori poi vinciamo il campionato. Per me Giampiero è quello”.

-          Tante vittorie, scudetto, coppa Italia e coppa Uefa, che ricordi hai di quella squadra fantastica?

“Una squadra con tante anime a partire da quella del nucleo storico di noi nate nella squadra primavera anni prima, passando per le ragazze provenienti da altre città che ci hanno dato un pizzico di esperienza in più nella lotta al vertice e poi le corse di Tatiana Zorri, i gol di Patrizia, un centrocampo che non si è più visto secondo me con Frollani e Ceroni a spezzare e ricucire il gioco. Ma anche la mossa di Mazzantini, centrocampista prestata al ruolo di esterno che bilanciava il gioco. Poi la difesa con Di Bari Caprini e Lanzieri e naturalmente i miei assist! :-) ”.

-          Pensi che la Lazio possa tornare a quei livelli, cosa ti senti, dall'alto della tua esperienza, di poter consigliare'

“Spero vivamente che la Lazio torni presto ai vertici, per il blasone che ha. So però per esperienza che ci vuole una lunga programmazione”.

Grazie Manuela grande tifosa e bandiera biancoceleste!