Attenzione!Il tuo browser non rispetta gli standard richiesti da www.sodaliziolazio.com.

È neccessario aggiornare il browser.

<< Indietro - Home - Il regista - 04 Ottobre 2017 alle 09:10

Una croce sulla maglia

La croce celtica è uno dei simboli d’Irlanda e affonda le radici in tempi remoti, antico simbolo dei celti venne presa in prestito da San Patrizio, Santo patrono irlandese, che nella sua simbologia la rinnovò infatti era precedentemente usata nei riti pagani: ad essa il Santo aggiunse un cerchio all’altezza dell’incrocio tra gli assi.

Quel cerchio simboleggiava il Sole, ovvero il Cristo, luce delle genti e salvezza dell’umanità. Simbolo costruito dal missionario cristiano che imponeva la sua “dottrina” sulle antiche religioni. Da un lato usava la violenza militare e, dall’altro, organizzava una rappresentazione tendente a convincere i “pagani ingenui” che, in fondo, il cristianesimo altro non era che una continuità delle loro stesse credenze. Non si sa quando fu inventato e introdotto questo simbolo. Non certo prima del IV secolo d. c.

Oggi la croce celtica ha acquisito molti significati spesso distanti da quello religioso di un tempo nello sport è utilizzata dalla Gaelic Atleti Association.

Se guardiamo il mondo del calcio, la troviamo anche sulle maglie della squadra scozzese del Celtic di Glasgow, della Nazionale del Nord Irlanda e tornando al calcio gaelico anche su quella della S.S. Lazio Calcio Gaelico, una sezione giovane e vincente della Polisportiva biancoceleste.

Gianluca Dileo