Attenzione!Il tuo browser non rispetta gli standard richiesti da www.sodaliziolazio.com.

È neccessario aggiornare il browser.

<< Indietro - Home - Il regista - 07 Ottobre 2017 alle 10:49

Liverpool e la sua " irlandesita' "

Bella la Kop di Liverpool! per anni una delle migliori curve al mondo, calorosa e colorata e numericamente impressionante sia dentro che fuori le mura amiche.  Curva molto italiana che si abbellisce con coreografie, bandieroni copri curva e due aste e pezze molte rigorosamente di colore rosso, rare le Union Jack. Liverpool è una città atipica città di mare e abituata a gente che viene e che va e a gente che arriva per rimanerci. Oggi a Liverpool tre quarti della popolazione ha origini irlandesi, infatti, ai tempi della crisi economica irlandese, molti hanno ripreso ad emigrare verso le stesse vecchie mete: Scozia, Usa, Australia ed Inghilterra soprattutto a Liverpool. La crisi irlandese di qualche anno fa ha riportato l’emigrazione ai livelli di oltre venti anni fa ed è Liverpool la città pronta ad accogliere questa nuova ondata di emigranti irlandesi. Se oggi è la disoccupazione a fare emigrare gli irlandesi, in tempi remoti, furono diverse le cause: le persecuzioni religiose ad opera degli inglesi, la carestia delle patate…  se oggi sull’isola vivono circa 5 milioni di irlandesi, si contano nel mondo 80 milioni di gente di origini irlandesi molti sono ospitati sulle rive del Merseyside. Emigrazione che ha avuto effetti anche nel calcio, infatti, football e religione si fondevano nel derby del Merseyside in anni passati non era solo un derby che divideva due squadre dai diversi colori e di diversa storia ma anche da differenze religiose infatti l’Everton FC era la fazione cattolica e annoverava tra le sue fila giocatori e allenatori irlandesi e cattolici mentre il Liverpool FC era di fazione presbiteriana e fino al ‘79 il Liverpool non acquistò giocatori irlandesi cattolici questo fino all’acquisto di Ronnie Chela; oggi comunque queste differenze non esistono più.

 L’”irlandesità” della città di Liverpool l si è avuta anche nella musica soprattutto negli anni 60 con la nascita del famosissimo complesso chiamato Beatles nel quale militarono John Lennon, Paul McCartney e George Harrison tutti e tre di origini irlandesi. Ciliegina sulla torta l’aeroporto di Liverpool è intitolato proprio al vocalist dei Beatles John Lennon.

I Beatles, nella loro carriera, non hanno quasi mai avuto rapporti col calcio anche se è famosa quella lunga sciarpa dai colori biancorossi avvolta al collo dei Fab Four ma la leggenda vuole che sir Paul McCartney sia un simpatizzante dell’Everton FC . Città che indubbiamente ha dato tanto agli irlandesi e irlandesi che hanno aiutato ad accrescere il fascino di una città unica chiamata Liverpool!

Gianluca Dileo