Attenzione!Il tuo browser non rispetta gli standard richiesti da www.sodaliziolazio.com.

È neccessario aggiornare il browser.

<< Indietro - Home - Il regista - 17 Novembre 2017 alle 17:54

Canzoni da stadio

In questi giorni si è parlato molto del “Remebrace Day” giorno in cui vengono ricordate le vittime delle guerre soprattutto dei paesi britannici, come già detto sulle pagine di sodalizio molte tifoserie si sono attivate per ricordarlo al meglio e i poppie sono stati mostrati dalle gradinate insieme allo slogan: “Least we forget”. Anni fa i tifosi dei Rangers Glasgow ricordarono allo stesso modo i caduti ma con una piccola variazione lo slogan usato fu: “All gave some some gave all” una canzone che viene da molto lontano infatti è stata partorita negli Stati Uniti d’America dal cantante country Billy Ray Cyrus che nel ‘92 pubblicò l’album d’esordio dal titolo: “Some gave all” che fu un successo di vendita e di critica infatti è stato premiato con nove dischi di platino nei soli Stati Uniti. L'album ha anche venduto 20 milioni di copie in tutto il mondo. Nella sua carriera Billy ha lanciato 29 singoli entrati nelle classifiche, di cui 15 nei Top 40. Trascinato al successo grazie al splendido singolo “Achy breacky heart”, l’album contenente anche la struggente ballata omonima che parla di un veterano di guerra che ha combattuto per la sua Patria e ci ricorda che bisogna vivere con orgoglio e amare il proprio paese in questo caso gli States e soprattutto non dimenticare i caduti in guerra infatti nel video ufficiale si notano bandiere a mezz’asta, lapidi del soldati caduti e soprattutto statue che ricordano i martiri. Ma soprattutto commuove la donna che seduta davanti casa è rimasta sola perché il suo caro non tornerà a casa caduto in battaglia. Un inno patriottico che i tifosi dei Gers hanno fatto proprio rendendo il giorno del ricordo ancora più pieno di significato questo è senza ombra di dubbio uno dei migliori accostamenti tra musica e tifo e anche se non parteggio per i Gers devo ammettere che il tutto è riuscito molto bene. replique rolex

Gianluca Dileo