Attenzione!Il tuo browser non rispetta gli standard richiesti da www.sodaliziolazio.com.

È neccessario aggiornare il browser.

<< Indietro - Home - Moviola - 03 Febbraio 2018 alle 15:37

I riflettori: una storia anglosassone

Oggi siamo abituati a vedere le partite di calcio di notte, campi illuminati e grandi riflettori che illuminano gli stadi. Ma quando si iniziò ad utilizzare la luce elettrica per illuminare i campi da calcio?
Il primo campo in cui vennero usate delle fonti di luce artificiale fu il Bramall Lane, casa dello Sheffield United. Era il 14 ottobre del 1878 e non esisteva ancora una rete nazionale di fornitura di energia elettrica, infatti l’illuminazione fu ottenuta grazie alle batterie e alle dinamo usate per illuminare la campagna nei pomeriggi invernali freddi e bui dello Yorkshire. Secondo le cronache dell’epoca furono circa trenta grandi fari che illuminarono il campo. Il primo passo era stato compiuto.

Appena nove giorni dopo la partita di Sheffield, al Cathkin Park di Glasgow si giocò la prima gara in notturna della Scozia, mentre tre giorni dopo si svolse la prima partita nelle Midlands all'Aston Lower Grounds (diventato poi il celebre  Villa Park) tra una selezione di Birmingham ed il Nottingham Forest. All'inizio di novembre del 1878, a Londra, ci fu la prima partita in notturna quando i Clapham Rovers incontrarono i Wanderers.

Nel giugno del 1879 si giocò a Wellington, in Nuova Zelanda, la prima gara in notturna nelle colonie britanniche mentre più tardi, a dicembre, la prima partita fu giocata sul suolo gallese, si svolse al Green Field di Rhyl, quando i padroni di casa del Rhyl incontrarono il Grosvenor Club.

Solo nel 1930 la prima gara in notturna ufficiale venne giocata in Gran Bretagna. La sede fu il Field Mill di Mansfield, quando il 22 febbraio 1930 l’Ollerton Forest incontrò il Welbeck Athletic nella finale della North Notts Senior Cup. Finalmente, negli anni cinquanta, la FA revocò il divieto dell'uso dei riflettori durante le gare ufficiali.

La prima partita con un club di lega giocata in notturna fu nel dicembre 1950 quando l’Headington United (ora Oxford United) giocò contro il Banbury Spencer in una partita della Southern League. Nell'aprile del 1951 lo Swindon Town incontrò il Bristol City. Nello stesso anno, a settembre, l'Arsenal ha incontrato l’Hapoel Tel Aviv in un'amichevole ad Highbury.

In'Irlanda del Nord si giocò in notturna nel dicembre del 1952 quando il Distillery affrontò il Burnley in un'amichevole al Grosvenor Park di Belfast.

Il Southampton Dell nel settembre 1955, ospitò invece la prima partita di FA Cup in notturna, era il replay tra Kidderminster Harriers e Brierley Hill Alliance. Un paio di mesi più tardi il Carlisle ed il  Darlington giocarono una gara di FA Cup in notturna.

A Wembley nel 1955, la Nazionale inglese giocò in notturna l'amichevole contro la Spagna. Le luci furono però accese solo negli ultimi quindici minuti.

Fu nel novembre del 1963 che il pubblico riuscì a vedere l'Inghilterra a Wembley per tutti i novanta minuti sotto le luci dei riflettori. In 55.000 erano presenti a quella partita contro l'Irlanda del Nord in cui i bianchi vinsero per 8-3.

Nel frattempo, nel 1956, il Fratton Park ha ospitato la prima partita della Football League tra il Portsmouth ed il Newcastle United in una fredda sera di febbraio.

Giorgio Acerbis