Attenzione!Il tuo browser non rispetta gli standard richiesti da www.sodaliziolazio.com.

È neccessario aggiornare il browser.

<< Indietro - Home - Tribuna Tevere il Sodalizio - 19 Aprile 2018 alle 08:06

Lo porti " uno striscione" a Firenze

Trasferta di Firenze, negli anni passati era considerata la più facile, scrivo degli anni settanta /ottanta dove la " geografia" del calcio ti insegnava che era la trasferta più vicina dalla nostra Urbe.
E questa trasferta ogni Laziale ha sempre partecipato, negli anni della nostra "giovinezza" ci dava anche un po' fastidio , perché si presentavano tanti tifosi che poi non ritrovavamo in trasferte lontane... ma era la "voglia" giovanile di dimostrare tutto , come credo succede nel pensiero oggi ai tifosi laziali giovani.
Eppure in quel di Firenze , storicamente la tifoseria Laziale ha espresso sempre la sua "follia"nel portare gli striscioni ...e scrivo per la mia generazione, dall'inizio anno 74/75 con la stoffa blu con la scritta ultras , o in una domenica di ottobre del 1978, tre giornate di campionato dopo la nascita degli Eagles Supporters , l'idea di portare questo striscione ed esporlo in curva ferrovia di Firenze, oltre cinquanta metri di stoffa ...esposti sopra le " cancellate" vicino al campo..
Gli anni ottanta, puntualmente sempre esposti un po' tutti gli striscioni , dagli eagles ( che dopo quella " folle domenica" degli oltre 50 metri si decise di farlo uno più piccolo da trasferta) passando per gli ultras 74, il CML, i Viking ... fino a IRRIDUCIBILI .
E ieri sera guardando quegli striscioni e sopratutto guardando una grande LAZIO , mi sono rivenuti in mente tanti tifosi di un tempo presenti in quello stadio.
Come scritto dagli anni settanta fino agli anni ottanta per poi arrivare fine anni novanta, con l'invasione non solo della curva ospite di Firenze ma anche della " loro " tribuna con Veterani, a caccia del secondo scudetto .
Pensieri remoti che ogni tifoso Laziale ha, pensieri che tornano in mente quando a distanza di tanti anni vedi uno striscione , e puntualmente ricordi la VERA STORIA di una tifoseria.
Con un blu più scuro, oggi leggo IRRIDUCIBILI un nome che non potrai mai dimenticare perché lo porti nel cuore, fino ad uno più semplice forse più per "anziani" da stadio : SODALIZIO dove c'è la storia un po' di tutti questi anni, di tutti questi ricordi , che con una grande umiltà vuole riunire tutti , e camminare ancora una volta insieme alla grande e storica tifoseria Laziale .
Antonio Grinta