Attenzione!Il tuo browser non rispetta gli standard richiesti da www.sodaliziolazio.com.

È neccessario aggiornare il browser.

Il regista - 30 Ottobre 2017 alle 19:24

Bisogna essere sfortunati nella sfortuna

"The Full Monty" è stato un esempio efficace. Quando l'industria siderurgica inglese entrò in crisi licenziando oltre quarantamila operai solo una piccola parte di loro ritrovò un altro impiego. Il resto viveva di sussidio e di lavori improvvisati, più o meno strampalati, proprio come quello dello “striptease” ideato dal suddetto film. Gaz, uno dei protagonisti, se ne andava in giro con la maglia dello Sheffield United. Una scelta non casuale. Il vero disoccupato di Sheffield tifa per le Blades. Perché bisogna essere sfortunati nella sfortuna. Lo United, fondato nel 1889, ha una sala dei trofei oramai piuttosto datata. Certo, dalle parti di Bramall Lane possono vantarsi di essere stati i primi nel mondo ad aver coniugato il suffisso “United” con il nome della...
Polisportiva S.S. Lazio - 29 Ottobre 2017 alle 09:58

La S.S. Lazio Calcio Femminile partecipa alla campagna "Salviamo Elisa"

La S.S. Lazio Calcio Femminile 1969 ha deciso di partecipare alla campagna "Salviamo Elisa". Elisa è una bambina di tre anni ed è malata di leucemia infantile da circa un anno e la sua unica possibilità di salvezza è quella di trovare un donatore di midollo osseo. Tutti coloro tra i 18 ed i 35 anni di età che pesano più di 50 kg e, naturalmente, sono in buona salute, recandosi al centro trasfusionale più vicino, possono salvarle la vita. Ma il tempo stringe, mancano solo cinquanta giorni, perchè Elisa sta iniziando il quinto ciclo di chemioterapia sperimentale, forse l'ultimo possibile. Per questo, già ad inizio della prossima settimana, alcune delle calciatrici in forza alla S.S. Lazio C.F., accompagnate dalla società, si sottoporranno al...
Calcio d'angolo - 28 Ottobre 2017 alle 09:11

Quel 28 ottobre del 1979

La mattina del 28 ottobre ci alziamo in una Roma dai toni invernali, il cielo è plumbeo. Ci incontriamo all’angolo tra le nostre due abitazioni verso le 10:30. Due autobus per arrivare allo stadio. Arriviamo alla fermata, ci siamo solo noi. La bandiera è in uno zaino. Si vede solo l’asta. Sull’autobus poche persone parlano tra loro, tutte prese dalla loro quotidianità, noi  soli con la mente all’imminente sfida stracittadina. L’altra linea, quella con il capolinea nei pressi dello Stadio Olimpico, dovrebbe essere più frequentata: infatti siamo in tanti. Si vede qualche sciarpa, ma nessun coro, nessun gruppo di tifosi organizzati. L’autobus ci lascia lungo il fiume Tevere, dobbiamo attraversare uno dei ponti che porta allo stadio per raggiungere la Curva Nord....
Moviola - 27 Ottobre 2017 alle 17:42

Roberto "Papus" Marin un grande atleta della S.S. Lazio Baseball

La storia dimenticata di Roberto Marin, un grandissimo Laziale e campione del passato che con la sua passione per il gioco del batti e corri ha onorato la Nazionale, la Lazio Bsl 1949, il Coca Cola Roma e il Nettuno. Quando nel 1959 la Roma vinse il suo primo scudetto i suoi giocatori più forti provenivano dalla Lazio che era stata sciolta l’anno prima, nel ’58, per motivi economici, uno tra tutti è stato Roberto Marin. Marin è stato campione d’Italia con la Lazio Baseball 1949, (1949 e 1955), con il Coca Cola Roma (1959), e con il Nettuno dove, dopo aver vinto nel 1963 il quarto tricolore del proprio palmares giocando insieme all’ex compagno nella Lazio e nella Nazionale Giulio Glorioso, il più grande giocatore di tutti i tempi, chiuse una carriera entusiasmante in cui ha...
Fuorigioco - 26 Ottobre 2017 alle 13:13

"The best" canzone da stadio

Se non fosse per la musica, i canti, il brusio e l’imprecare dei tifosi lo stadio sarebbe una biblioteca come cantano i tifosi britannici allo stadio, gli altoparlanti dello stadio oltre a dare le formazioni delle squadre che di li a breve scenderanno in campo sono utilizzati per dar via ai vari inni che rappresentano la squadra; canzoni spesso che caricano calciatori nel momento del riscaldamento e iniziano a fare scaldare i tifosi che da poco hanno messo piede nei vari settori dello stadio dopo una bevuta al pub e dopo aver mangiato un tortino di carne. Di solito l’inno viene cantato da tutto lo stadio accompagnato da sciarpate o vari balli e battimani. Nel caso dei Rangers Glasgow da molti anni risuona ad Ibrox “The best” canzone cantata da Bonnie Tyler nel 1988 ma portata al successo da Tina Turner...
Calcio d'angolo - 24 Ottobre 2017 alle 14:06

L'artista delle curve argentine

Una partita di calcio in Argentina non è niente senza tamburi, cori, ed i papelitos che volteggiano nell'aria all’ingresso delle formazioni in campo ma, forse la cosa più importante, sono i grandi bandieroni che sono soliti utilizzare i tifosi delle varie curve argentine. Pepe Perretta è uno dei pochi artisti che ha l'onore di dipingere questi enormi bandieroni. Perretta ha iniziato la sua “carriera” artistica dipingendo il suo casco per la moto, ma il suo talento non è passato inosservato ai tifosi di calcio quando hanno visto il ritratto che ha fatto ad un suo amico, grande tifoso del Boca Juniors, in occasione del suo quindicesimo compleanno. Non ci volle molto affinché anche le barras gli chiedessero di fare dei grandi bandieroni per loro. Il suo primo grande...
Polisportiva S.S. Lazio - 23 Ottobre 2017 alle 13:05

S.S. Lazio Pallanuoto esordio da aquile

E’ una Lazio per cuori forti quella che ha vinto al debutto in A1 contro il Bogliasco. 13-12 il risultato finale in una piscina dei Mosaici che ha fatto registrare il tutto esaurito con circa mille presenze. Una partita emozionante dal primo all’ultimo secondo di gioco con le due squadre che si sono affrontate a viso aperto senza timori reverenziali. Bene i giovani biancocelesti supportati dalla vecchia guardia. La squadra non ha mai perso la testa, nemmeno dopo aver terminato in svantaggio i primi due tempi (3-4 e 5-6). La Lazio ha impattato sul 9-9 al termine del terzo quarto e ha dato la zampata vincente negli ultimi otto minuti. Mattatore della partita è stato Cannella, autore di sei reti nonostante due falli sul groppone dopo pochi minuti. Bene anche i nuovi con Spione autore di una super doppietta. Può...
Polisportiva S.S. Lazio - 23 Ottobre 2017 alle 07:55

La S.S. Lazio Calcio Gaelico vince il trofeo Junior B a Maastricht

È stato un weekend di forti emozioni, un torneo che sarà ricordato come un risultato storico e una pietra miliare per il futuro del nostro club. Ieri i nostri ragazzi hanno vinto il trofeo Junior B, giocando grande football in un torneo duro ed impegnativo. Ed iniziato male, dato che i bianco-celesti hanno perso la loro prima partita contro Rennes-Nantes sotto una fitta pioggia per tanta sfortuna nel primo tempo mentre erano in vantaggio e per pochi minuti di blackout nel secondo dove hanno preso due gol rocamboleschi che hanno tagliato loro le gambe. Una dura ma efficace lezione per la partita successiva contro Mosca-Augsburg, dove la squadra ha vinto il match dominando e giocando grande in maniera spettacolare, coinvolgendo ogni giocatore in campo in azioni fluide e veloci e permettendo un po' a tutti ma...
Fuorigioco - 22 Ottobre 2017 alle 10:30

Il Football anche nel cosiddetto cinema d'autore

Non solo nella narrativa ma il football ha fatto la sua comparsa anche in film di produzione d’oltremanica che non avevano un replica breitling superocean heritage chrono watches argomento prettamente calcistico, effettivamente, oltre ai tanti film, spesso ripetitivi, sull’hooliganismo come “Football factory”, “Green street hooligans” per citare due dei più conosciuti, in Inghilterra, in questi ultimi anni, la produzione cinematografica ci ha mostrato uno spaccato delle sue problematiche come in “Full monty”, ambientato in una desolata Sheffield, dove alcuni protagonisti per andare avanti rubano travi in un’acciaieria chiusa (una delle tante all’epoca), esistono piccole parti che interessano il calcio infatti Dave, uno dei protagonisti, è...
Polisportiva S.S. Lazio - 20 Ottobre 2017 alle 08:33

Una Lazio... Capitale

Unica squadra di Roma e del Lazio nella massima categoria, una rosa composta da soli giocatori romani e guidata da Claudio Sebastianutti, il mister più giovane dell'A1. Nella rosa un promettente mix tra senatori e giocatori di prospettiva per centrare la salvezza. Il campionato parte il 21 Ottobre. Il presidente Moroli: “Sebastianutti scelta giusta e moderna, credo in questo gruppo” Il mister: “La nostra forza è la compattezza” Capitan Colosimo: “In acqua siamo come fratelli, ci aiutiamo”. La Lazio Nuoto è pronta a ripartire e nella cornice di casa del Circolo Canottieri Lazio si svela in vista della nuova stagione nel massimo campionato di pallanuoto che prenderà il via sabato 21 ottobre. Quest'anno il vessillo dell'aquila sventolerà...