Attenzione!Il tuo browser non rispetta gli standard richiesti da www.sodaliziolazio.com.

È neccessario aggiornare il browser.

Categoria : Vecchi spalti
Totale: 62
Vecchi spalti - 16 Dicembre 2018 alle 16:54

PU PU PULICI...CIAO

    Anni settanta , una squadra neo promossa che lotta per lo scudetto, arrivando a giocarselo fino all’ultima partita in quel di Napoli, una festa rinviata solo di un anno questa volta nell’Urbe allo Stadio Olimpico contro il Foggia. Una formazione che iniziava da lui  Felice Pulici … che quando difendeva la porta della nostra Lazio salutava il pubblico che lo incitava con il suo coro PU-PU PULICI! Purtroppo oggi la notizia della sua scomparsa (16/12/2018) cinque anni di seguito con i nostri colori sociali dal 1972 al1977, per poi ritornarci nel 1980 anno in cui ci avevano mandato in serie B. Il ricordo di un grande portiere , con la sua maglia nera e pantaloncini neri  , forse i pantaloncini di un nero piu’”opaco”, …altri tempi dove il portiere aveva...
Vecchi spalti - 12 Maggio 2018 alle 11:38

Quarantaquattro anni passati

Chi ha più di cinquant'anni ricorda... chi non era ancor nato ma glielo ha raccontato il padre, il fratello più grande, lo zio, l'amico... Una data dove nasce la "malattia del tifo" verso i colori sociali, difficile, molto jaeger-lecoultre reverso replica watches difficile guarire, impossibile! ... e ritorna sempre: oltre tutto e tutti! 12 maggio 1974, la mia Lazio... Quarantaquattro anni passati: ancora presenti gli Ultras del '74 Antonio Grinta
Vecchi spalti - 10 Novembre 2017 alle 11:54

C'erano una volta i Vigilantes Lazio

I Vigilantes della Lazio in una Curva Ferrovia gremita di tifosi Laziali. Si giocava Fiorentina-Lazio replica breitling avenger seawolf watches ed era il 22 ottobre del 1978. (Grazie a Piero per la foto)
Vecchi spalti - 01 Agosto 2017 alle 10:49

Un semplice ricordo non una gara.

  Primo agosto  2012 è una giornata di sole,replica watches come ovvio che sia in una stagione ed inizio del mese piu’ estivo e caldo che sia.L'infermiera di turno  è mi dà una triste notizia, purtroppo Goffredo si lui , il capo tifoso, il tassinaro, l’uomo, l’amico è morto. Sono passati cinque anni da quella brutta notizia, sono cambiate tante cose . ma non il ricordo per un amico. Volevo intitolare questo mio breve scritto “Nel nome di Goffredo…pacificazione”…forse perché è quello che penso, stanco esausto delle polemiche nel mondo della nostra tifoseria, troppe, e sarebbe ora di farla finita da una parte o dall’altra. Poi purtroppo esiste questo mezzo chiamato internet, che ti fa sentire al centro...
Vecchi spalti - 22 Maggio 2017 alle 12:33

Una domenica di fumogeni, tifo e radioline

Domenica 6 maggio 1984, penultima giornata di campionato, la S.S. Lazio affronta in casa l’Ascoli. E’ una partita decisiva, perché la classifica recita: Lazio e Genoa 22, Pisa 21. Due di queste squadre faranno compagnia al Catania già retrocesso in serie cadetta. La Lazio ha la meglio nei confronti diretti contro i liguri, ma deve giocare l’ultima giornata in quel di Pisa. Insomma bisogna vincere con l’Ascoli e vedere cosa accade negli altri campi. Sarà una domenica di tifo infernale, di bandiere al vento, di fumogeni e…  di radioline. Allo stadio ci sono quasi 60.000 ulysse nardin replica watches spettatori, tanti arrivati molto prima del fischio d’inizio. L’ansia si fa sentire. La Lazio parte all’assalto e crea palle goal a ripetizione,...
Vecchi spalti - 10 Dicembre 2016 alle 16:56

Una giornata a Tor di Quinto

Il vecchio Tor di Quinto, quante volte ci siamo stati e quanti ricordi che tornano alla mente! Pomeriggi “rubati” allo studio, alle prime fidanzate e alle partitelle di calcio con gli amici giocate per strada sotto casa o al parco del quartiere. Allora i campi di calcetto ancora non erano stati inventati e ci si accontentava di quello che si trovava. Un autobus scassato che sembrava arrivato lì per caso da qualche lontano paese del Patto di Varsavia, traballante, rumoroso e sempre in ritardo e via verso … l’altro capo della città. A quei tempi quasi un viaggio. I quartieri dell’Urbe che passavano uno dopo l’altro. Attraversavi la replica breitling b-1 watches strada, dopo essere sceso in una fermata in mezzo al nulla e arrivavi a due passi da quel campo verde, su quelle...
Vecchi spalti - 28 Novembre 2016 alle 17:03

La tribuna tanti anni fa

Domenica 7 febbraio del 1937, la S.S. Lazio affronta allo stadio del P.N.F. il Bologna. E' un incontro di cartello, si sfidano due delle migliori realtà del calcio di quegli anni. Questi sono i tifosi biancocelesti patek philippe nautilus replica watches che in tribuna seguono con trepidazione le vicende dell'incontro. Un muro compatto.
Vecchi spalti - 07 Novembre 2016 alle 17:57

Laziali in trasferta nel 1955

Una fredda domenica di inverno, una fredda domenica di novembre. A Milano si gioca la settima giornata del campionato nazionale di Serie A tra l’Inter e la S.S. Lazio. Dopo la vittoriosa partita della domenica precedente ottenuta a Bologna per 2-0 contro i rossoblù felsinei, i biancocelesti affrontano la ppfake seconda trasferta consecutiva. A San Siro. La S.S. Lazio, l’estate precedente, era stata protagonista del mercato estivo, era infatti arrivata nell’Urbe la micidiale coppia d'attacco dell'Udinese costituita dallo svedese Selmosson e da Bettini per l'esorbitante, per i tempi, cifra di 120 milioni di lire e venne anche acquistato l'attaccante juventino Muccinelli per 50 milioni di lire! Quella fredda domenica i risultati si videro subito in campo, i biancocelesti dominarono in...
Vecchi spalti - 26 Ottobre 2016 alle 08:13

Laziali in quel di Bologna

Domenica 7 ottobre del 1957, quarta giornata del girone di andata, il Comunale di Bologna era invaso dai tifosi Laziali, tanti gli montblanc star replica watches striscioni come testimonia la foto. Con i nostri colori, quel giorno, scesero in campo grandi calciatori: Lovati, Muccinelli, Vivolo, Praest e Selmosson. Grazie a Fabio che ci ha regalato questa (ed altre ) immagini swiss replica watches
Vecchi spalti - 01 Ottobre 2016 alle 18:55

1 ottobre 1978 la prima di uno storico striscione

La S.S. Lazio affrontava allo Stadio Olimpico la Juventus. Era la prima giornata del campionato 1978-79.  Fu una partita bella e ricca di colpi di scena. Terminò con il risultato di 2-2. Passò in vantaggio la Juventus, dopo due soli minuti di gioco con Bettega, pareggiò Bruno Giordano su rigore al 23'. Nella ripresa Lazio in vantaggio grazie a Renzo "Garla" Garlaschelli al 50' e pareggio bianconero due minuti dopo con il solito Bettega. I biancocelesti scesero in campo con questo undici iniziale: Cacciatori, Ammoniaci, Martini, Wilson, Manfredonia, Cordova, Garlaschelli, Badiani, Giordano, D'Amico, Ghedin. In panchina sedeva Bob Lovati. A disposizione Fantini, A.Lopez e Cantarutti. Sugli spalti 60.000 spettatori, ma soprattutto in Curva Sud fece il suo esordio un lunghissimo...