Attenzione!Il tuo browser non rispetta gli standard richiesti da www.sodaliziolazio.com.

È neccessario aggiornare il browser.

Polisportiva S.S. Lazio - 21 Marzo 2014 alle 19:09

La Lazio e l'associazione delle polisportive europee, per ideare e sostenere una nuova dimensione sociale dello sport

Lunedì 24 e martedì 25 marzo la Capitale e la Società Sportiva Lazio ospiteranno l’incontro annuale della Associazione delle Polisportive Europee. Incontro che, patrocinato dalla Commissione Europea, dallo European Olympic Committee, dalla Regione Lazio e da Roma Capitale, si focalizzerà sul nuovo programma europeo Erasmus + sport, e vedrà la partecipazione di numerose delegazioni europee e di personaggi dello sport e dell’impresa. Evento nell’evento, la presentazione dei primi Giochi Olimpici europei che si terranno a Baku (Azerbaijan) nel giugno 2015. La Associazione delle Polisportive europee (EMCA, European Multisport Club Association) è stata varata per iniziativa della Società Sportiva Lazio a Bruxelles il 9 GENNAIO 2013, anniversario della...
Cronache anglosassoni - 20 Marzo 2014 alle 07:23

Gli Spartani di Edimburgo

Nel panorama culturale del calcio d'oltremanica molte persone hanno a conoscenza, riguardo il football scozzese, che nella capitale, Edimburgo, vi sono solo gli Hearts e gli Hibernian Edinburgh e che, a Glasgow, vi sono i più famosi club scozzesi: Celtic e Rangers. Tornando, però, alla capitale si scopre che vi è una terza squadra (poco nota a dir il vero) ma che nella capitale, per lo meno, ha un numerosissimo seguito. Come stemma hanno un guerriero spartano e, non a caso, il team si chiama Spartans. Fu fondato nel 1951 da due calciatori dell'Edimburgh University, Elliot Wardlaw e Jimmy Beaumont, la quale decisero di dar vita ad un “progetto universitario”. Infatti la squadra era composta, in gran parte, da studenti universitari che, più tardi, avrebbero aperto anche ad altri...
Tribuna Tevere il Sodalizio - 19 Marzo 2014 alle 09:07

19 marzo 2014

Tanti auguri ai nostri padri che ci hanno trasmesso la passione per i colori biancocelesti, portandoci per la prima volta nella nostra vita, in quello stadio che lentamente sarebbe diventato la nostra seconda casa. Grazie papà per il primo abbonamento in Tevere non numerata, per la prima bandiera che ho sventolato, per le discussioni interminabili su questo o quel giocatore, per avermi lasciato andare in Curva Nord, per le prime trasferte.
Vecchi spalti - 18 Marzo 2014 alle 10:03

ANTONIO SBARDELLA

best replica watches Si parla sempre troppo poco di Antonio Sbardella nella storia della Lazio. Ma vi posso assicurare che metà dello scudetto del 1974 è di suo merito, gli appartiene. Era stato un grande arbitro, Antonio, un internazionale tra i migliori che l'Italia abbia avuto. Ma soprattutto era un uomo intelligente, di grande esperienza calcistica. Che poi sapete cosa significa? Usare un pizzico di furbizia rispettando comunque le regole.¨Il Presidente Umberto Lenzini lo chiamò nel maggio del 1971, per ricostruire la squadra e mettere ordine in Società. Io lo conoscevo già come una persona estroversa, consapevole della propria vasta conoscenza calcistica. Per me è stato un grande Maestro.¨Arrivò in sede, con aria paterna, almeno nei miei confronti, e mi disse...
Polisportiva S.S. Lazio - 18 Marzo 2014 alle 07:53

La SS Lazio Rugby 1927 fermata dalle Fiamme Oro

I biancocelesti di De Angelis e Mazzi escono sconfitti dal match con i cremisi, valido per la quarta giornata di ritorno dell’Eccellenza: a fine gara il tabellone segnapunti del campo Uno del “Giulio Onesti” recita 33 a 17 per il XV della Polizia di Stato. Partita sfortunata quella della Lazio. I biancocelesti si presentavano all’appuntamento con le Fiamme Oro già decimati dagli infortuni. Dopo due minuti un ispiratissimo Benetti portava i suoi in vantaggio con un piazzato. Al 5’ Nathan provava a rispondergli, ma il tentativo finiva a lato. Poi la Lazio perdeva Varani per infortunio e subiva il calcio del raddoppio sempre di Benetti. Tra il 25’ e il 28’ De Angelis e Mazzi erano costretti a sostituire per infortunio entrambi i piloni titolari Pietrosanti e Bolzoni. Proprio al...
Polisportiva S.S. Lazio - 16 Marzo 2014 alle 21:27

La SS Lazio Calcio a 5 femminile vince la Coppa Italia

Non poteva mancare l’appuntamento più importante, quello con la storia! La Lazio conquista la sua prima Coppa Italia battendo in finale la Ternana per 7-1. Una grande gara giocata dalle biancocelesti che si prendono meritatamente finale e trofeo. Aveva mancato i due appuntamenti precedenti ma non questo, il più importante. Lucileia mette a segno quattro gol, assistita da una squadra che non ha mai mollato anche se, soprattutto nei quarti di finale con il Montesilvano, se l’era vista davvero brutta vincendo solo ai rigori, all’ultimo per la precisione, con la parata di Giustiniani su Borges. Era la grande favorita alla vigilia e così è stato. Miglior portiere della manifestazione Sara Giustiniani, miglior giocatrice Lucileia. Insomma la Lazio ha stravinto tutto, sul campo, da grande squadra...
Moviola - 16 Marzo 2014 alle 11:19

Aspettando Cagliari-Lazio

E' una giornata primaverile, un bel sole caldo splende sul Sant' Elia, quando il Cagliari con la tradizionale casacca rossoblù ma con i calzettoni bianchi e la SS Lazio in tenuta completamente bianca con bordi celesti sul colletto della maglia scendono in campo. E' una partita importante per entrambe le formazioni, i biancocelesti devono vincere per tenere il passo del Milan capolista, mentre il Cagliari deve superare il momento nero che la vede vivacchiare a centroclassifica. L'allenatore dei sardi Fabbri è contestato, i tifosi rivogliono Scopigno. Insomma il clima è incandescente. Maestrelli è sicuro dei suoi ragazzi, tanto da affidare il temibile Gigi Riva a Polentes, al suo esordio stagionale e siamo già al mese di aprile ! Luciano Re Cecconi, dopo pochi minuti in...
Il regista - 15 Marzo 2014 alle 07:24

Una scritta a vernice bianca sul muro

Juan, quelle sono lacrime.” “Vattene non puoi capire.” “Ma stanno cantando Juan. E’ la tua gente, il tuo stadio, la tua squadra che gioca..” “Ho detto vattene, Pedro. Voglio restare solo.” “Juan non resti solo, anche se io me ne vado..” “Vedi qualcun altro intorno a me?” “Si.” “Da quando vedi i fantasmi Pedro?” “Vedo i tuoi Juan. Sono il tuo migliore amico, da sempre, ti conosco.” “Oh, questa è bella.” “No questa è la verità. Come quella frase scritta a vernice bianca sul muro alle tue spalle. “El club de Barrio mas grande del mundo”....
Il regista - 14 Marzo 2014 alle 07:46

Supergulp? No, Lotito

Che spettacolo i luoghi comuni nel calcio! Quelli che, i tifosi che vogliono? Mica ce li mettono loro i soldi! Sarà. Eppure a me risulta che nel 2003 i tifosi della Lazio per salvarla dal fallimento sottoscrissero un aumento di capitale di circa 120 milioni di euro, mica bruscolini. Oppure quello che, Lotito sarà antipatico ma alla sua gestione non si può dire nulla. A no? La Lazio, unico caso a livello europeo, non ha uno sponsor sulla maglia da 6 anni e 8 mesi. Ha un bilancio che certifica la mera sopravvivenza. Anzi, l’ultima semestrale certifica un leggero sbilancio. Incassa dal merchandising cifre ridicole. Ha rinunciato a vagonate di milioni perdendo, tra gli altri, Pandev e Zarate a zero, o Behrami a parametro. Ha uno sponsor tecnico di seconda-terza fascia con relativo incasso. Non ha negozi...
Moviola - 13 Marzo 2014 alle 13:58

Quando la SS Lazio blocco' il Grande Torino

Domenica 13 marzo del 1949 sulla città di Roma splende il sole, manca più di un mese all’arrivo della primavera, ma il clima è mite. E’ una bella giornata, ideale per andare allo stadio a vedere una bella partita di calcio. Quel giorno infatti allo Stadio Nazionale si affrontano la SS Lazio ed il Torino Calcio. E’ la partita più importante della giornata, i granata che scenderanno in campo a Roma sono quelli del Grande Torino, una squadra che è una leggenda, per il suo gioco, per le sue vittorie per le sue gesta. I biancocelesti però devono fare bene, anche se sembra un’impresa disperata, perché non vogliono scivolare nei bassifondi della classifica e rischiare di dovere poi lottare per non retrocedere. Ai tifosi che si recano allo stadio in tram, in autobus...